La Boum

Una sfida affascinante. Cosa rende riconoscibile un outlet da un negozio tradizionale? In genere il primo ha le vetrine ricoperta da pellicole bianche che riportano un flusso ininterrotto di scritte fitte fitte, con una scelta dei font che fa accapponare la pelle. È possibile modificare questo immaginario introducendo un po’ di seduttività estetica, rendendo questa tipologia commerciale attraente ma conservando quella riconoscibilità che invoglia ad entrare sperando di trovare delle grandi occasioni? Un nome, un logo, una tipografia “adeguata” e una visual identity divertente e surreale per provare a cambiare le regole del gioco. Tra reperti del passato e aspirazioni pop.

 

I commenti sono chiusi.